PUNTO VESPA Di BUffoli Federico VENDITA E RESTAURO VESPE D’EPOCA
Via Roma, 66 CORTE FRANCA – BS
p.iva: 03630580987
C.F. BFFFRC88S29B157O
Tel: 331.704.82.32

ORARI NEGOZIO:
MAR AL VEN 09.00 - 12.00 | 15.00 - 19.00
Lunedì Chiuso
SAB 10.00 - 13.00 | 15.00 - 19.00

LE ORIGINI

Fondata a Genova nel 1884 da Rinaldo Piaggio, all'epoca ventenne, la società Piaggio si dedica inizialmente alla costruzione di arredamenti navali per poi estendere la propria attività alla costruzione di carrozze e vagoni ferroviari, motori, tram e carrozzerie speciali per autocarri. Nel frattempo, con la prima guerra mondiale, Piaggio entra nel settore aeronautico, un business in cui opererà per i decenni a venire. Inizia così la produzione di idrovolanti e aeroplani, come pure l'acquisizione di nuovi stabilimenti: nel 1917 una fabbrica di aerei a Pisa, quattro anni dopo un piccolo stabilimento a Pontedera che sarebbe divenuto il centro della produzione aeronautica di Piaggio (eliche, motori e aerei completi, incluso l'avanzatissimo Piaggio P108 nelle versioni passeggeri e bombardiere). Negli anni che precedono la seconda guerra mondiale, e durante il conflitto, Piaggio è uno dei maggiori produttori italiani di aerei. Proprio per questo rappresentano un obiettivo militare strategico e gli stabilimenti Piaggio di Genova, Finale Ligure e Pontedera escono distrutti dalla II guerra mondiale.

L'INVENZIONE DEL 1946

I figli di Rinaldo Piaggio, Enrico e Armando, immediatamente dopo la guerra curarono il nuovo avvio della produzione industriale. Il lavoro più duro toccò a Enrico, cui spettava la ricostruzione del grande stabilimento di Pontedera, anche recuperando parte dei macchinari trasferiti a Biella, in Piemonte. Enrico Piaggio optò per una totale riconversione industriale, puntando sulla mobilità individuale di un Paese che usciva dalla guerra. Avrebbe realizzato la sua intuizione, creando allo stesso tempo un veicolo destinato a grandissima celebrità, grazie allo straordinario lavoro progettuale di Corradino D'Ascanio (1891-1981), ingegnere aeronautico e geniale inventore.

LA NASCITA DI UN MITO

La Vespa nasce dalla determinazione di Enrico Piaggio a realizzare un prodotto a basso costo e di largo consumo. All'approssimarsi della fine della guerra, Enrico studia ogni soluzione per rimettere in moto la produzione nei suoi stabilimenti. A cominciare da quello di Biella, dove venne realizzato un "motorscooter" sul modello delle piccole motociclette per paracadutisti. Il prototipo, siglato MP5, venne battezzato "Paperino" per la sua strana forma: ma non piacque ad Enrico, che incaricòCorradino D'Ascanio di rivedere il progetto. Il progettista aeronautico non amava però la motocicletta. Secondo lui era scomoda, ingombrante, con gomme troppo difficili da cambiare in caso di foratura; e oltretutto, per via della catena di trasmissione, sporcava. L'ingegnere trovò tuttavia tutte le soluzioni del caso attingendo proprio alla sua esperienza aeronautica. Per eliminare la catena immaginò un mezzo con scocca portante, a presa diretta; per rendere la guida più agevole pensò di posizionare il cambio sul manubrio; per facilitare la sostituzione delle ruote escogitò non una forcella ma un braccio di supporto simile appunto ai carrelli degli aerei. E infine ideò una carrozzeria capace di proteggere il guidatore, di impedirgli di sporcarsi o scomporsi nell'abbigliamento: decenni prima della diffusione degli studi ergonomici, la posizione di guida di Vespa era pensata per stare comodamente e sicuramente seduti, anziché pericolosamente in bilico su una motocicletta a ruote alte.Dal nuovo progetto di D'Ascanio nacque un mezzo che con il "Paperino" non aveva più nulla a che vedere: una soluzione assolutamente originale e rivoluzionaria rispetto a tutti gli altri esempi di locomozione motorizzata a due ruote.Con l'aiuto di Mario D'Este, suo disegnatore di fiducia, aCorradino D'Ascanio bastarono pochi giorni per mettere a punto la sua idea e preparare il primo progetto della Vespa, brevettato a Pontedera nell'aprile del 1946. Il nome del veicolo fu coniato dallo stesso Enrico Piaggio che davanti al prototipo MP6, dalla parte centrale molto ampia per accogliere il guidatore e dalla "vita" stretta, esclamò: "Sembra una vespa!". E Vespa fu.

IL PRIMO BREVETTO VESPA

Il 23 aprile 1946 la Piaggio eC. S.p.A. deposita - presso l'Ufficio centrale dei brevetti per invenzioni, modelli e marche del Ministero dell'Industria e del commercio di Firenze - il brevetto per "motocicletta a complesso razionale di organi ed elementi con tlaio combinato con parafanghi e cofano ricoprenti tutta la parte meccanica". Non passa molto tempo e Vespa viene finalmente mostrata al pubblico, suscitando reazioni contrastanti. Enrico Piaggio tuttavia non esita a dare il via alla produzione in serie di duemila esemplari della prima Vespa 98cc. Il debutto in società del nuovo veicolo si tiene al prestigioso Circolo del Golf di Roma, alla presenza del generale americano Stone in rappresentanza del governo militare alleato. L'avvenimento venne ripreso dal cinegiornale statunitense Movietone: gli italiani avrebbero visto per la prima volta la Vespa nelle pagine interne di Motor (24 marzo '46) e nella copertina in bianco e nero de La Moto del 15 aprile 1946, toccandola con mano alla Fiera di Milano dello stesso anno, dove anche il cardinale Schuster si fermò incuriosito a guardare l'avveniristico veicolo.